Altoparlante intelligente: cos’è, per cosa è utile?

0
32

Gli smart speaker (o altoparlanti intelligenti) e assistenti vocali per la casa sono ormai diventati un oggetto sempre più ricercato per la propria dimora. Nel campo della domotica (la scienza che si occupa dello studio degli oggetti tecnologici che permettono di migliorare la qualità della vita della casa), infatti, questo oggetto sta prendendo sempre più piede in quanto permette una più semplice ed immediata interazione con tutti gli elettrodomestici della casa, grazie ovviamente al suo ruolo di mediazione tra la persona e l’elettrodomestico stesso.

La maggior parte di questi dispositivi è connesso alla rete WiFi e permette di interfacciarsi ad altri dispositivi domotici, oltre a consentire la semplice riproduzione audio via Bluetooth. Lo smart speaker non è altro che un software che, interpretando il linguaggio naturale, è in grado di ‘dialogare’ con noi, fornendo informazioni o compiendo le operazioni richieste. Potremmo quindi definire l’altoparlante intelligente come una sorta di aiutante tecnologico simile a Google Assistant, a Cortana di Windows o a Siri di Apple. Il funzionamento è simile, con la differenza che lo smart speaker può interfacciarsi anche con gli elettrodomestici.

Con gli altoparlanti intelligenti il nostro modo di relazionarsi con la casa cambierebbe drasticamente: tramite il loro utilizzo è possibile effettuare azioni come accendere e spegnere la TV stando comodamente seduti sul divano, lo stesso per le luci, impostare la sveglia stando già nel letto, far partire una determinata canzone dal proprio lettore, accendere il riscaldamento o l’aria condizionata, far partire la lavatrice e tante altre cose. Molte, come queste ultime, tra l’altro, anche a distanza tramite il controllo remoto, in modo da poterle avviare anche, ad esempio, mentre si è di ritorno verso casa per trovarle poi attive quando si arriva.

Inoltre, una caratteristica straordinaria degli altoparlanti intelligenti è quella di poter utilizzare la tecnologia IFTTT (If This Then That): tramite quest’ultima, come suggerisce la sigla, è possibile impostare il proprio smart speaker all’eseguire un’azione come conseguenza di un’altra eseguita prima, innescando quindi una catena di condizioni dette applet.

Al momento il mercato degli altoparlanti intelligenti è dominato dai tre colossi statunitensi Amazon, Google ed Apple: il primo è stato il pioniere del mercato degli smart speaker grazie al suo Amazon Echo e la sua Alexa, sbarcati nel 2014. Gli altri due, invece, lo hanno seguito a ruota rispettivamente con Google Home e Google Assistant (arrivati nel 2016) e HomePod (arrivato quest’anno).