Alla scoperta del Sepak Takraw: lo sport asiatico che combina calcio e pallavolo

0
78

Il mondo dello sport sta scoprendo una forte attrazione verso il Sepak Takraw, uno sport asiatico capace di mixare il calcio alla pallavolo. L’obiettivo è quello di farlo diventare olimpico a Tokyo 2020, essendo il Sepak Takraw uno degli sport più antichi dell’Asia. Per poterlo vedere alle prossime olimpiadi giapponesi serviranno 50 richieste al CIO da parte delle nazioni partecipanti. Dal 1990 (Cina) al 2006 (Doha) il Sepak Takraw è stato inserito come disciplina ufficiale dei Giochi Asiatici.

Il Sepak Takraw si gioca in un campo rettangolare (simile a quello del badminton) e vede scendere solitamente in campo 2 squadre, composte da 3 titolari ed 1 panchinaro; in mezzo ovviamente ci sarà una rete (155 cm per gli uomini e 145 per le donne). Alcune varianti riguardano la formazione delle squadre, esiste infatti la versione da “2 titolari ed 1 panchinaro” e quella da “9 titolari e 3 panchinari”. La disposizione in campo è quella di due uomini nella linea di davanti ed 1 in quella di dietro, con quest’ultimo uomo (detto tekong) che potrà colpire la palla soltanto dentro una determinata zona (delimitata da un cerchio). Una partita di Sepak Takraw è simile a quella di pallavolo per quanto riguarda l’assegnazione dei punti e per i set giocati (con 2 set da 21 punti ed uno eventuale da 15) mentre risulterà esser simile a quello del calcio per il modo in cui si può colpire la palla; è vietato infatti l’utilizzo delle mani.

Questo gioco risale al 1829 (alcuni dicono 1866) quando vennero formalizzate le squadre e venne introdotta la rete, prima di ciò veniva praticato non agonisticamente ed invece di esser schierati a squadre in un campo rettangolare era una sorta di “passaggi della palla” in un cerchio di gioco. La palla che viene utilizzata in questo sport è fatta di intrecci di rattan, ovvero un mix di legno di palme appartenenti alla tribù delle Calameae. Del Sepak Takraw esiste anche la versione beach, ovvero quella su spiaggia; è stata anche disciplina ufficiale della prima edizione disputata nel 2008 degli Asian Beach Games di Bali (Indonesia). La federazione internazionale che si occupa di questo sport è l’International Sepaktakraw Federation, con sede in Indonesia. In Italia la Federazione Italiana Sepaktakraw è presenta dal 2002 ma attualmente la migliore in Europa risulta essere la Germania, squadra che ha partecipato anche alla King’s World Cup.