Vinitaly 2018: le novità della nuova edizione della Fiera del Vino

0
40

Dal 15 ad oggi, 18 aprile, a Verona si tiene il Vinitaly 2018, la 52esima edizione della Fiera Internazionale del Vino e dei Distillati.

Gli espositori sono 4.310 e provengono da 33 Paesi oltre l’Italia presenti su una superficie netta di centomila metri quadrati, sold-out da dicembre 2017.

Il punto centrale dell’evento è sicuramente lo sguardo ai mercati del futuro: Cina, Russia e USA, infatti, saranno i motori dei consumi entro il 2022.
In questa edizione della manifestazione sono presenti alcune novità: una su tutte è stata certamente la maggior attenzione sui mercati strategici di esportazione, con l’obiettivo dichiarato di dare un contributo importante alle imprese ponendosi sempre più come strumento di business.

Il presidente di VeronaFiereGiovanni Mantovani, aveva dichiarato: “Dedicheremo grande importanza a due macro aree, il Nord America e la Russia/Cina. Abbiamo investito molte risorse per attirare i buyer di questi Paesi – Stati Uniti, Cina, Russia, Giappone e Germania: cinque grandi clienti del Made in Italy, sui quali, Vinitaly, in collaborazione con Wine Monitor, ha deciso di dedicare dei focus specifici di approfondimento.

Ma non si guarda esclusivamente all’export. Al Vinitaly vi sono anche Doc che festeggiano i propri compleanni: dalle più anziane Montepulciano d’Abruzzo, Verdicchio dei Castelli di Jesi e la Doc di Torgiano che spengono quest’anno le 50 candeline, alla giovanissima Doc Pinot Grigio delle Venezie che festeggia il suo primo compleanno. Inoltre, quest’ultima ha anche presentato un nuovo logo: un ferro da gondola o pettine, emblema di Venezia e della Serenissima, con tre denti, che simboleggiano le tre regioni ossia Veneto, Friuli Venezia Giulia e Provincia autonoma di Trento.

Inoltre, ci sono tantissime cantine italiane: quest’anno sono 4.380 quelle arrivate in quel di Verona, accompagnate da un fittissimo programma di degustazioni: sicuramente il momento più atteso ed importante per tutti i produttori presenti in Fiera.
All’apertura di domenica non è mancato il consueto tasting Tre Bicchieri del Gambero Rosso che, con oltre 231 vini premiati con i Tre Bicchieri nell’ultima guida Vini d’Italia, ha segnato il tutto esaurito. Nei giorni seguenti, i cinque grand tasting firmati Vinitaly: da quello delle Donne del Vino a quello Ceretto, passando per Masi, Bolgheri a confronto con Pessac-Léognan, e i vini di Riccardo Cotarella.