Cosa vedere in Trentino Alto Adige: i luoghi più belli da visitare

436

Il Trentino Alto Adige è una regione d’Italia ricca di fascino e di luoghi capaci di lasciare i visitatori senza fiato. Si trova al confine con l’Austria e la Svizzera ed è principalmente nota per la bellezza delle sue montagne, ma non solo. Il Trentino Alto Adige è anche natura, sport estivi ed invernali, escursioni e trekking, arte e cultura. Per questi motivi è una delle mete preferite durante il periodo natalizio ed invernale.
Qui si può godere di uno splendido panorama che comprende boschi di conifere, maestose vette, vallate, fiumi e torrenti, laghi, fantastici giochi di luci tra le guglie delle Dolomiti. La regione è conosciuta anche per i suoi i pittoreschi paesini di montagna, incastonati in una natura ancora incontaminata e senza tempo.
Ecco i posti più belli da visitare in questa splendida regione.

Trento

La prima tappa è il capoluogo della regione, Trento, una città di architettura e arte, dov’è possibile visitare numerosi musei e dove si può godere dello spettacolo offerto dalla natura. Intorno all’anno Mille l’imperatore del Sacro Romano Impero creò il Principato vescovile di Trento: questo donò alla città una forte identità religiosa, tanto che la si ricorda per il famoso Concilio di Trento, che dette il via alla Controriforma.
Immancabile la visita nella piazza del Duomo di San Virgilio, costruito in stile romanico e luogo delle sedute formali del Concilio di Trento. Da non perdere anche una visita al Castello del Buonconsiglio, che fu residenza dei vescovi di Trento dal XIII fino alla fine del XVIII secolo.

Bolzano

Bolzano occupa un territorio considerato da sempre la frontiera fra l’Italia e il mondo germanico, tant’è che è stata soprannominata “Porta delle Dolomiti“.
Nel centro storico del paese è possibile ammirare piazza Walther, piazza delle Erbe, piazza della Vittoria, la via dei Portici, la Chiesa dei Francescani, il Duomo dedicato a S. Maria Assunta. Bolzano è molto frequentata soprattutto durante il periodo natalizio per i suoi colorati mercatini dove trovare tante idee regalo.

Merano

Il centro storico di questo paese è molto caratteristico dal momento che è costituito da strette viuzze, ottime per una passeggiata che vi porterà sotto la romantica via dei Portici. La Chiesa Parrocchiale di San Nicola comprende un campanile alto ben 83 metri, è uno dei più alti in Alto Adige e, al tempo stesso, il simbolo della città.
Merano è considerata una città di cura fin dagli inizi del XIX secolo, per il suo clima salubre e mite. Nel 1933 viene scoperta l’acqua contenente radon e si trasforma da stazione climatica a città termale. Nel 2005 sono inoltre state inaugurate le nuove terme.

Rovereto

Strette viuzze, le stradine e le piccole piazze caratterizzando anche il centro storico di Rovereto donando alla città un’atmosfera prettamente veneziana. Questo paese coinvolge i turisti con le tante proposte di storia, arte, musica e cultura. Qui, da anni, si svolge il Festival Oriente Occidente, manifestazione conosciuta a livello internazionale dedicata al teatro e alla danza contemporanea, nonché il Festival Mozart che omaggia ogni anno la memoria del compositore.

I luoghi della Grande Guerra

Il Trentino Alto Adige è stato uno dei teatro dei combattimenti più agguerriti all’epoca della Prima Guerra Mondiale e ne conserva molti ricordi. Sono rimasti ancora oggi intatti i resti di numerosi percorsi realizzati all’epoca della Grande Guerra. Imperdibili le sette fortezze sugli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna, le trincee e le fortificazioni in Vallagarina e sul Pasubio, ma anche nel settore del Tonale, a Riva del Garda, in Valsugana.

Giardini di Castel Trauttmansdorff

Quando decidete di organizzare un viaggio in Trentino Alto Adige non potete non fare una visita ai Giardini di Castel Trauttmansdorff, proclamati nel 2005 “il giardino più bello d’Italia“. Ammirare questi giardini significa effettuare un viaggio botanico attraverso il mondo. Qui sono presenti ben 80 gli ambienti botanici presenti i quali comprendono piante originarie di ogni angolo del mondo.

Parco Naturale Puez-Odle

Si tratta di un parco naturale che comprende l’area attorno il gruppo delle Odle e si trova ad una altitudine media di 2.500 metri sul livello del mare. Questo parco offre al visitatore uno spettacolo naturale unico. Qui è possibile osservare tutti tipi di roccia, gli sconvolgimenti tettonici ed i fenomeni di erosione più caratteristici. La conformazione del territorio, la quota e il microclima determinano il tipo e la varietà della flora presente, mentre la fauna comprende camosci, caprioli, cervi, gufi reali e fagiani, corvi e numerosissime specie di insetti e farfalle.

Centri Termali del Trentino

Sono numerosissimi i centri termali del Trentino e tutti collocati all’interno di contesti naturali invidiabili. Le acque di questa regione sono rinomate in tutta Europa dal momento che consentono di curare varie patologie della pelle come psoriasi e dermatiti, ma anche problemi circolatori, respiratori, digestivi ed artroreumatiche.
Le principali stazioni termali sono: Levico Terme, Vetriolo Terme, Roncegno, Pejo, Rabbi.

Il castello di Stenico

Questo castello è stato realizzato nel X secolo ed ha continuato lo sviluppo fino a quando la zona è passata sotto il dominio austriaco.
Ha ospitato dei vescovi che lo hanno trasformato successivamente in un elegante castello grazie ai maestosi affreschi, alcuni probabilmente opera di Marcello Fogolino. Si tratta di un luogo particolarmente gettonato dagli amanti dell’arte contemporanea ed è spesso sede per concorsi fotografici.
Le sue sale, oggi museo, sono arredate con mobili, dipinti, armi da fuoco e antichi strumenti per l’uso quotidiano presi in prestito dalle collezioni del Castello del Buonconsiglio di Trento, di cui il Castello di Stenico è uno dei rami.

Palafitte di Fiavè

Si tratta di un luogo già particolarmente conosciuto nel XIX secolo per la sua importanza archeologica. Ma è soltanto dalla seconda metà del secolo scorso, grazie ad alcuni scavi mirati, che sono stati portati alla luce degli incredibili resti di insediamenti umani di epoca preistorica. Si possono notare ben sette diversi centri abitati appartenenti a differenti epoche.

Pista ciclabile della val di Fiemme e della val di Fassa

Per gli amanti della bicicletta, un questa regione è presente una splendida pista ciclabile che attraversa completamente le due vallate, per un totale di 50 km. È adatta a tutti in quanto si può svolgere in salita (pendenza del 5%) ma anche in discesa. Attraversa i paesi di Alba di Canazei, Campitello di Fassa, Fontanazzo, Campestrin, Mazzin, Pera di Fassa, Pozza, Soraga, Moena, Predazzo e Molina di Fiemme.