Iphone 12 uscita e tutte le caratteristiche tecniche del nuovo smartphone

57

iPhone 12 è in uscita in preordine dal 16 ottobre, con le prime spedizioni previste per il 23 dello stesso mese. Vediamo insieme tutte le caratteristiche tecniche del nuovo smartphone di casa Apple.

Vecchio design per un nuovo smartphone

Tra le novità con l’uscita dell’Iphone 12 vi è un qualcosa che in realtà è vecchio. In termini di design l’uscita dell’iPhone 12 segna un ritorno al passato. Ha infatti linee squadrate, bordi spigolosi e in generare un andamento meno sinuoso. Si può immaginare iPhone 12 come una sorta di riedizione di iPhone 4 o iPhone 5, telefoni che avevano bordi “taglienti”. In realtà iPhone 12 è come frutto della grammatica di design che emerge da iPad Pro e che da quest’anno migra anche su iPad Air. C’è anche un nuovo colore per la versione Pro: il Blu Pacifico che prende il posto del Verde Notte.

Un nuovo processore

iPhone 12 ha il nuovo A14 Buoni. Di questo processore sapevamo già molto prima del lancio di iPhone 12 perché è stato introdotto quando Apple ha presentato iPad Air nel corso dell’evento Times Fly. Il chip prodotto da TSMC è basato sul un processo produttivo a 5 nanometri. Anche questa è una novità, considerando che la gamma di iPhone 11 utilizza un chipset a 7 nanometri. La cosa più rilevante è che avrà la potenza di un MacBook Pro… In questo momento i primi dati dicono che il processore spunta un 20% di prestazioni in più rispetto ad A13, coerente con chi stimava già da prima del lancio un vantaggio rispetto ad un iPhone 11 Pro del 18%. Il processore potrebbe però essere stato tarato per spuntare un tangibile vantaggio in termini di consumi che però non saranno tutti a beneficio dell’autonomia. Il nuovo iPhone infatti è compatibile con il 5G, una tecnologia che consuma parecchia energia.

L’uscita dell’iPhone 12 con il nuovo 5G

iPhone 12, sempre come largamente previsto, avrà anche la connettività 5G. Qui di novità si deve parlare solo relativamente al mondo iPhone perchè in commercio di telefoni 5G ce ne sono davvero molti. Ma sappiamo che Apple su molte cose non arriva prima, ma arriva innovando. La tecnologia è gestita in maniera diversa da quello che fanno i concorrenti, per ovviare al suo principale problema: il consumo. Apple usa una tecnologia denominata “smart data mode” capace di gestire la rete, passando da 5G a 4 G e viceversa, in funzione del risparmio di energia e delle funzioni richieste in quel momento. Tra gli elementi da considerare c’è, come previsto, il fatto che delle due tecnologie 5G, iPhone 12 sfrutta in Europa solo sub-6GHz, più adatta della mmWave. Del resto in Europa la tecnologia mmWave sui 26 GHz, non è stata ancora adottata e dovrebbe avere una legge quadro pan-continentale solo entro fine dicembre.

Il (non troppo) nuovo LiDAR

Non sarà una novità di tutti i prossimi iPhone, ma tutti e due i modelli Pro contatto sul sensore LiDAR, in grado di rilevare profondità e distanza, come sull’ultimo iPad Pro 2020. Come Apple avrebbe impiegato le potenzialità di un LiDAR su iPhone era un piccolo mistero. Ora sappiamo che verrà usato principalmente per la fotografia quindi per una migliore messa a fuoco in scarsità dai luce; ma nell’arsenale della Mela ci sono anche progetti ambiziosi per la realtà virtuale.

Il nuovo schermo sotto e sopra con l’uscita dell’iPhone 12

Il nuovo iPhone 12 si distingue da iPhone 11 perché tutti i modelli hanno lo schermo OLED. Lo scorso anno solo i modelli Pro avevano questa tecnologia che permette non di avere immagini più brillanti e di ridurre il consumo di corrente, quest’ultimo un aspetto fondamentale quando si parla di telefoni con 5G. Persino iPhone 12 mini in uscita ha lo schermo OLED. Il passaggio potrebbe essere un approdo temporaneo in vista del prossimo sbarco di Apple nel mondo dei MicroLed, ma una gamma tutta Oled è un’interessante novità anche dal punto di vista del marketing. Lo schermo è nuovo anche sopra. Il vostro di protezione conta su una trattamento denominato Ceramic Shield, per una resistenza alle cadute quattro volte superiore. Niente, invece, come previsto frequenza di campionamento a 120 Hz

Una nuova fotocamera

iPhone 11 Pro viene ricordato come il primo iPhone con tre lenti, iPhone 12 Pro non ha novità esterne evidenti per quanto riguarda la fotocamera ma dentro cambierà parecchio. È in particolare iPhone 11 Pro Max ad avere le migliorie più sensibili; avrà un sensore del 47% più grande rispetto a quello di iPhone 11, uno zoom 5X e il sensore con stabilizzatore magnetico del sensore. iPhone 11 Pro ha uno zoom 4X e il doppio stabilizzatore ottico che opera sulle lenti. Tutti i modelli Pro hanno anche la capacità di supportare Apple ProRaw il formato RAW proprietario di Apple che consentirà di avere una maggiore flessibilità quando si vorranno ritoccare le foto. iPhone 12 e iPhone 12 Mini continueranno ad avere due lenti (wide e ultrawide) ma miglioreranno l’apertura che passa a f1.8 a f1.6 nella lente Wide e potranno sfruttare il migliorato Night Mode su tutte le fotocamere.