Omeopatia: di cosa si tratta e perché dovrebbe funzionare

80

L’omeopatia è la più diffusa tra le medicine non convenzionali e molti italiani vi ricorrono almeno una volta nella vita.

Qual è il significato di omeopatia?

Omeopatia è una parola composta derivata dal greco μοιος, hómoios, simile e πάθος, páthos, sofferenza: simile alla sofferenza.

Su quali principi si basa l’omeopatia?

L’omeopatia, si basa su quattro principi:

Legge dei simili

Qualsiasi malattia ha sintomi ben precisi e quindi bisogna trovare una sostanza che sia naturale e capace di provocare delle simili reazioni, secondo il principio “similia similibus curantur”.

Individuazione del rimedio

L’omeopatia non individua la malattia, ma il rimedio. Ogni sostanza ha proprietà peculiari.

Una piccola dose per una guarigione

E’ bene usare dosi infinitesimali per proporre al proprio corpo degli stimoli accettabili e curarlo in modo lento ma duraturo nel tempo.

La legge di Hering

E’ tutto l’iter che una persona deve percorrere per arrivare alla guarigione.

Perché l’omeopatia dovrebbe funzionare?

Nonostante i rimedi omeopatici siano costantemente bersagliati dalle critiche degli scettici e di numerosi scienziati, secondo gli ultimi dati Doxa circa 4 italiani su 5 si dichiarano soddisfatti degli esiti delle cure. Nel nostro Paese cresce infatti costantemente il numero di persone e medici che rivendicano il ruolo alternativo e a volte integrativo dell’omeopatia rispetto alla medicina tradizionale.

Soprattutto negli ultimi dieci anni ed in particolare in Francia, Inghilterra e Germania si è assistito ad una crescita esponenziale delle ricerche sull’efficacia dell’omeopatia. A volte i risultati sono entusiasmanti, altre volte meno ma complessivamente l’omeopatia ha dimostrato una certa efficacia. In alcuni Paesi come Francia e Germania i rimedi omeopatici vengono addirittura rimborsati parzialmente o totalmente dal servizio di sanità pubblica e l’omeopatia viene praticata all’interno del Servizio Sanitario in ambulatori ospedalieri.
L’azione dell’omeopatia è più simile all’azione di un vaccino che a quella di un antibiotico. Con la medicina omeopatica si somministrano infatti sostanze simili all’agente che produce quel tipo di malattia. In questo modo si stimola una reazione immunitaria adeguata che va a rinforzare le difese dell’organismo favorendo la guarigione o prevenendo la patologia.

L’omeopatia mette in primo piano il malato e non la malattia, proponendosi di curare non tanto la patologia in sé quanto il “terreno” su cui la malattia sta agendo.

La prevenzione nasce soprattutto da un riequilibrio delle caratteristiche patologiche e dell’energia vitale della persona. Quando la malattia si instaura inizia infatti un disequilibrio dell’energia vitale dal quale emergono i sintomi tipici della patologia. Questo disequilibrio può essere trattato con un intervento appropriato di natura omeopatica.

Nella maggior parte dei casi l’omeopatia non è una medicina alternativa ma di supporto. I medicinali omeopatici vengono infatti utilizzati da dottori in associazione alle medicine tradizionali. Un intervento omeopatico riuscirebbe quindi a migliorare le condizioni generali del paziente anche in caso di assunzione cronica di farmaci.

L’omeopatia si propone dunque come una medicina complementare. Non è certo un caso che la maggioranza delle persone acceda all’intervento omeopatico soltanto dopo aver subìto un trattamento con farmaci tradizionali ed averne constatato l’inefficacia o l’intollerabilità. Affiancando e/o sostituendo la medicina omeopatica a quella classica si possono così apportare notevoli benefici al malato. Questa commistione di cure non è assolutamente nociva, anzi molto spesso si nota una positiva complementarietà.