Una polizza a protezione della casa: come e quando conviene sottoscriverla

217

Il 2018 ha segnato un notevole balzo in avanti per il mercato immobiliare.

A prosperare è soprattutto il settore residenziale, come conferma il rapporto stilato a quattro mani dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate e dall’Abi.

Sempre più italiani scelgono di investire sulla casa, optando al contempo per assicurarne la proprietà grazie alla sottoscrizione di una polizza sugli immobili.

Numeri alla mano le transazioni dello scorso anno hanno toccato quota 580mila, con un numero di acquisti cresciuto del 6,7%, ed un volume di affari che va oltre i 94 miliardi di euro.

Come proteggere la casa

Per proteggere la propria abitazione la soluzione più adeguata è garantita dalla sottoscrizione di un’assicurazione casa, a tutela dei danni alla struttura e al suo contenuto, e ai rischi legati alla responsabilità civile verso terzi.

Il mercato assicurativo propone diverse tipologie di polizza e per scegliere la migliore occorre valutare quella che meglio si adegua alle esigenze del nucleo famigliare.

Ci si deve innanzitutto chiedere chi e che cosa si desidera tutelare, in base a tutta una serie di imprevisti che possono verificarsi.

Le polizze casa assicurano l’abitazione dai danni che possono verificarsi fra le mura domestiche, come incendi, scoppi di tubature ma anche furti e casi di emergenza.

Non mancano soluzioni più specifiche, che garantiscono coperture adeguate in caso di catastrofi naturali quali terremoti o alluvioni, e atti vandalici.

Trovare la soluzione adeguata, al prezzo più conveniente, non sempre è facile, soprattutto se non si   dispone di parametri di riferimento. Per questo motivo vale la pena confrontare le tante offerte proposte dalle diverse compagnie assicurative. E per garantirsi un raffronto ampio e completo niente di meglio che chiedere l’aiuto di un comparatore online, uno strumento di ultima generazione in grado di seguire l’utente, passo dopo passo, nella scelta della polizza in base a caratteristiche e convenienza.

Vedi qui per fare un preventivo assicurazione casa e potrai scoprire tante soluzioni vantaggiose.

L’assicurazione casa non è obbligatoria, ma quando è necessario sottoscriverla?

L’obbligo di assicurare la casa, previsto dalla legge 100/2012, di fatto non ha ancora trovato applicazione. Per questo motivo non esiste alcun vincolo se non quello introdotto dalle banche o dallo statuto di alcuni condomini per casi specifici.

Le banche, nel concedere il mutuo a chi intende acquistare la casa, impongono all’acquirente l’obbligo di sottoscrivere una polizza incendio e scoppio a tutela dell’immobile e soprattutto dell’investimento.

Non sono rari i casi in cui lo statuto condominiale consti di un punto specifico nel quale viene richiesta ad ogni condomino la sottoscrizione di una polizza incendio e scoppio. Una soluzione a tutela del singolo ma soprattutto dell’intero caseggiato per i danni che si possono verificare, cagionando problemi a tutta la struttura.

Sempre più italiani scelgono di salvaguardare la propria casa sottoscrivendo una polizza

L’attenzione degli italiani verso la copertura assicurativa per la casa è aumentata negli ultimi anni e continua a crescere, soprattutto in alcune Regioni come la Sicilia e il Lazio.

La spesa assicurativa per la casa risultava già in crescita in territori quali quello lombardo, così come in Abruzzo, Campania ed Emilia Romagna.

Non dimentichiamo che con un investimento anche minimo si può ottenere un buon margine di tutela.