Occhiali virtuali: quali sono i modelli presenti sul mercato e come scegliere il più adatto

867

Gli occhiali virtuali sono degli occhiali elettronici che permettono di guardare film, ascoltare musica e di godere di qualsiasi altro contenuto audiovideo.
Si tratta di un semplice accessorio per smartphone indossabile. La cosa fondamentale da tenere in considerazione è che lo smartphone deve avere almeno 4,7 pollici per poter godere a pieno degli occhiali virtuali.

Infatti, più lo schermo è grande maggiore sarà il coinvolgimento. Gli occhiali virtuali sono in grado di creare uno schermo virtuale alla persona che li indossa e possono avere dimensioni che vanno dagli 80 pollici in su. Al momento sono particolarmente in voga nel settore dell’home video ed alcune tipologie di questi supporti sono molto apprezzate dai giocatori di videogiochi.
Questi occhiali virtuali funzionano grazie a delle speciali lenti ed ad un display che possiede una particolare risoluzione. In questo modo viene simulata una certa distanza dello schermo dagli occhi dell’utilizzatore, dando l’effetto di guardare una tv di 80 pollici a circa 2 metri di distanza. L’idea alla base dei virtual reality è quella di poter offrire alla persona che l’indossa una visione a 360° o in 3D con una conseguente totale immersione in ciò che si ascolta e si guarda.

Tra i migliori presenti sul mercato troviamo HOMIDO VR il quale vanta un’ottica decisamente di buon livello che ne fa il miglior visore VR della sua fascia di prezzo, offrendo una resa visiva migliore anche con smartphone di fascia media. Il prodotto è facilmente regolabile sia per la messa a fuoco sia per l’angolo di visuale. Inoltre, l’alloggiamento semi aperto frontale permette l’installazione di smartphone fino a 6″ e garantisce l’inserimento immediato di cuffie per una maggiore immersione in VR.
In ogni caso, dato il sistema di chiusura, tuttavia, se ne consiglia l’utilizzo in un ambiente piuttosto buio in modo da non rischiare di rovinare l’esperienza con l’ingresso di luce esterna.

Anche il visore per la realtà virtuale sviluppato da Zeiss, tra i leader nel settore dell’ottica professionale, è molto valido. VR ONE, infatti, garantisce una qualità nell’esperienza d’uso di alto livello grazie alle lenti di pregevole fattura che permettono una resa visiva molto elevata. Dall’altra parte il device di Zeiss non permette un utilizzo “universale”: il visore, infatti, viene venduto con dei cassetti di alloggiamento creati su misura per ogni singolo modello.

Xiaomi VR Headset, invece, offre diverse funzionalità aggiuntive che lo rendono un prodotto decisamente valido. Innanzitutto, il visore incorpora dei sensori di movimento indipendenti dalle funzionalità presenti all’interno del vostro smartphone, offrendo un’esperienza più immersiva e realistica. Inoltre, Xiaomi supporterà questo prodotto con applicazioni esclusive pensate appositamente per questo headset. L’unico contro riscontrabile è la limitazione imposta per quanto riguarda la compatibilità, limitata agli Xiaomi Mi 5, 5s, 5s Plus e Note 2.